Ago 22

Barili di petrolioVia libera dal CIPE, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, all’estrazione di altro petrolio in Basilicata: il più grande giacimento petrolifero in terraferma d’Europa.

Le autorizzazioni, rilasciate a Total, Shell ed Exxon, sanciscono l’apetura del secondo polo di estrazione della provincia di Potenza di Tempa Rossa di Corleto Perticara.

Tempa Rossa
Tempa Rossa – Fonte: Total Italia

La produzione si attesterà intorno ai 50 mila barili di petrolio al giorno, oltre i 100 mila prodotti già nei giacimenti della Val d’Agri, che attraverso un oleodotto raggiungono le raffinerie di Taranto. In Val d’Agri sono 55 i pozzi attualmente in produzione.

Anche il nuovo giacimento avrà dunque il suo Centro Olio che raccoglie l’oro nero che già frutta alla regione milioni di euro di diritti economici: le royalties del petrolio.

Numerosi anche i giacimenti di gas.

Foto | neitherfishnorflesh

13 commenti »

13 commenti su “Il petrolio raddoppia in Basilicata: autorizzata l’estrazione per nuovi giacimenti”

    Melandroweb Scrive:
    24 agosto 2008

    ottimo post!

    Admin Scrive:
    28 agosto 2008

    Grazie, torna a visitarci ancora!
    Ciao

    ANTONIO OLIVETO Scrive:
    15 settembre 2008

    Salve, sono in possesso della laurea triennale in ingegneria, e vorrei sapere come si può accedere alla selezione dei 70 giovani che dovranno seguile l’iter di tre anni nel centro di Corleto.Grazie

    Admin Scrive:
    15 settembre 2008

    Salve Antonio, purtroppo non sappiamo darti indicazioni specifiche in merito. Ti consigliamo, per maggior sicurezza, di riferire la tua ricerca su siti istituzionali come ad esempio il portale della Regione Basilicata http://www.basilicatanet.it oppure di qualche sede di Informagiovani.
    Grazie per il tuo commento.

    natascia Scrive:
    2 giugno 2011

    perchè fin’ora non era possibile estrarre questo petrolio??

    Rubbia ha progettato un impianto solare che funziona in assenza di sole e di notte - Pagina 5 - Politica in Rete Forum Scrive:
    15 giugno 2011

    […] […]

    vergogna!!! Scrive:
    30 giugno 2011

    Ma sbaglio o la Valle del Petrolio è proprio a ridosso non dico di uno ma di tre parchi nazionali/regionali? Che fine stanno facendo la flora e la fauna del luogo? Le riserve idriche sono già tutte avvelenate?Le persone stanno già morendo? Le cose sono fatte bene o all’italiana?Controlli e tutto il resto?O si continua in sordina come adesso?A chi è venuto in mente di trivellare a Policoro?Perché non ne parla nessuno?

    free Scrive:
    5 luglio 2011

    il giorno in cui in basilicata hanno scoperto il petrolio ,per me sono iniziati soprattutto i guai per la popolazione lucana.

    alex Scrive:
    31 luglio 2011

    si la valle si trova proprio nel cuore del parco regionale della val d agri lagonegrese…ma è una risorsa naturale ke va sfruttata e nn buttata..il problema è un altro…le cose non sono fatte per bene e la natura e l’uomo ne hanno risentito..sempre x colpa di ki gestisce questi pozzi e di ki ci governa!! come appunto il fatto ke siamo la regione piu ricca d europa a livello di risorse naturali ma fra le piu povere a livello economico…!! questa è la vergogna..viviamo nella miseria grazie a ignoranti e farabutti ke insieme a personaggi potenti del nord estraggono petrolio liberamente nella nostra regione e intascano tutti i soldi lasciando gli abitanti di questa stupenda regione nella miseria, senza lavoro ecc ecc…!tral’altro noi paghiamo i carburanti a prezzi stellari come se nella nostra regione il petrolio arrivasse da fuori anzichè essere estratto!!! orgoglioso di essere lucano, ma mi vergogno di essere italiano!

    rossella Scrive:
    2 agosto 2011

    grazie a tutti i politici per averci reso la regione più povera di tutta l’europa…grazie e voi per i 90 euro/anno solo a per chi possiede una patente….continuate a sfruttare le nostre risorse a discapito della povera gente disoccupata ::::GRAZIE POLITICA ITALIANA per averci reso ancora più poveri …

    rossella Scrive:
    2 agosto 2011

    approposito a noi a benzina in basilicata costa di più che al nord perchè?
    esempio padova benzina s.p € 1.40 Matera 1.49 la quotazione più bassa le altre superano tutte € 1.50…………. PERCHE’ ??

    Mike Scrive:
    26 febbraio 2012

    Bella notizia, sarà per questo che, avendo il più grande giacinento di petrolio, abbiamo pure i prezzi dei carburanti più BASSI d’Europa? Non so, chiaritemi l’argomento…

    michele Scrive:
    13 marzo 2012

    Sono figlio di Lucani e abito a Caracas, Venezuela. Sono fiero di essre Lucano di origine, volevo commentare che la nostra stupenda regione dovrebbe investire le risorse provenienti dal petroleo per costruire impianti per la produzione dei derivati del petroleo, qui in Venezuela, che come sapete é uno dei paesi nel mondo piú importanti per quanto riguarda l’ estrazione del petroleo, si ottiene come subprodotto anche l’ urea che é un ottimo concime, Un saluto cordiale e buon lavoro

Scrivi un commento